Atteggiamento nei confronti del sesso Ayurveda

Repressione sessuale e senso di colpa: le responsabilità della chiesa

Un frammento del sesso di film per la sopravvivenza

Il Tantra e lo Yoga sono fondamentalmente diversi. Raggiungono lo stesso obbiettivo, tuttavia i loro sentieri sono non solo diversi, ma anche opposti. Anche il processo dello Yoga è una metodologia, anche lo yoga è una tecnica. Nello Yoga si deve lottare: è la via del guerriero. Sul sentiero del Tantra non si deve atteggiamento nei confronti del sesso Ayurveda lottare. Anzi, al contrario, si deve indulgere, ma con consapevolezza.

Lo Yoga è repressione consapevole, il Tantra è indulgenza consapevole. Devi sare la natura, devi usare qualunque cosa tu sia per andare oltre.

Nello Yoga devi lottare con te stesso per andare oltre. Nello Yoga, il mondo è moksha, la liberazione -come sei e come puoi essere- sono due cose opposte. Nello Yoga andare oltre è una morte, devi morire perché possa nascere il tuo essere reale. Lo sai per esperienza personale.

Nessun atteggiamento è necessario: solo allora sarai naturale. Che atteggiamento hai nei confronti dei tuoi occhi? Sono malefici o divini? Sei a favore o contro i tuoi occhi? Non assumi un atteggiamento! Ecco perché i tuoi occhi sono normali. Assumi un atteggiamento. Se pensi che i tuoi occhi siano malefici, la vista diventerà difficoltosa, assumerà la stessa forma problematica che ha assunto il sesso: vorrai vedere, desidererai vedere, bramerai vedere, ma quando vedrai ti sentirai in colpa.

Tutte le volte in cui vedrai ti sentirai in colpa per aver fatto qualcosa di sbagliato, per aver peccato. Lo stesso è accaduto con la fissazione sul sesso. Il Tantra dice dunque di accettare qualsiasi cosa tu sia. Sei un grande mistero di molte energie atteggiamento nei confronti del sesso Ayurveda accettalo e muoviti con ogni energia con profonda sensibilità, con consapevolezza, con amore, con comprensione.

Muoviti con loro! Di conseguenza ogni desiderio diventa un veicolo per andare oltre, ogni energia diventa un aiuto, e questo stesso mondo è il nirvana, questo stesso corpo è un tempio: un tempio sacro, un luogo sacro. Significa unire due cose insieme. Una volta che conosci qualcosa te ne liberi: semplicemente cade, come le foglie morte cadono da un albero … In un mondo sano, dove ognuno vive in modo autentico, individualmente, non imitando gli altri ma vivendo a modo proprio, sono possibili entrambi i sentieri.

Nella nostra società malata né lo yoga né il Tantra possono farlo perché se scegliamo lo yoga, lo scegliamo non perché i nostri desideri sono diventati inutili. Hanno ancora significato, atteggiamento nei confronti del sesso Ayurveda stanno esaurendosi da soli. Dobbiamo forzarli.

Se scegliamo lo yoga lo scegliamo come tecnica di autorepressione, se scegliamo il Tantra, lo scegliamo come astuzia come un profondo autoinganno, una scusa per indulgere sul sesso. Per poter cominciare occorre avere una mente sana, in particolare una mente sessualmente sana, in questo caso non sarà difficile scegliere il tuo sentiero: puoi scegliere lo Yoga come il Tantra. Fondamentalmente esistono due tipologie di persone, il tipo maschile e quello atteggiamento nei confronti del sesso Ayurveda.

Non intendo biologicamente, ma psicologicamente. Lo Yoga è il sentiero per coloro che di base sono psicologicamente maschili, mentre il Tantra è il sentiero per atteggiamento nei confronti del sesso Ayurveda che di base sono psicologicamente femminili.

In termini psicologici moderni lo yoga è estroverso e il Tantra è introverso. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.