Sembra che lutero dopo il sesso

“Mi fa male”. 18enne ha dolori all’addome, i medici guardano la vagina ed è choc - LE NOTIZIE DEL G

Non puliti prima il sesso anale

Sito dedicato al. Sembra che lutero dopo il sesso Corrêa de Oliveira La volgata protestante vorrebbe che, di fronte al desolante spettacolo di decadenza "una cloaca", dirà lui in riferimento sia all'Urbe che alla Chiesail monaco di Wittemberg fosse rimasto scioccato. Il ché avrebbe innescato in lui prima il rigetto, poi il dubbio e Sembra che lutero dopo il sesso la ribellione. Dunque, una reazione forse esagerata ma tutto sommato giustificata. Un'attenta lettura delle fonti originali ci fa vedere, invece, uno spirito irrequieto e già incline alla ribellione.

Forse è il caso di gettare uno sguardo su alcuni di questi documenti, che altro non sono che le stesse opere Werke di Martino Lutero, nelle due edizioni ufficiali: quella di Wittemberg e quella di Weimar Conviene anche rilevare che gli autori citati — Emme, Brentanno, De Wette e Bruckhardt — sono tutti protestanti. L'ingresso di Martino Lutero nell'Ordine agostiniano non fu dovuto tanto ad una vocazione religiosa quanto al fatto che era latitante e voleva sfuggire alle autorità.

Quando era studente di Diritto all'Università di Erfurt, Lutero si batté a duello con un compagno, Gerome Bluntz, uccidendolo. Agostino 1. Lo stesso Lutero ammise il Sembra che lutero dopo il sesso motivo del suo ingresso in monastero: "Mi sono fatto monaco perché non mi potessero prendere. Se non lo avessi fatto, sarei stato arrestato. Egli stesso confessava in un sermone del "Io sono stato un monaco che voleva essere sinceramente pio.

Sono stato un grande furfante ed un omicida" 3. La sua vita spirituale era in rovinoso declino. NelLutero scrisse: "Raramente ho il tempo di pregare il Breviario e di celebrare la Messa. Sono troppo sollecitato dalle tentazioni della carne, del mondo e del diavolo" 4. Ancora nel egli dichiarava: "Confesso che la mia vita è sempre più prossima all'inferno. Giorno dopo giorno divento più abietto" 5. Nel convento, Lutero era soggetto a frequenti crisi di nervi, ad allucinazioni deliranti, in preda anche a segni di possessione.

Nel guardare il crocifisso egli spesso era assalito da convulsioni e cadeva a terra 6. Ho paura! Per me, Dio non è che uno scellerato. L'idea della predestinazione cancella in me il Laudate, è Sembra che lutero dopo il sesso blasphemate che mi viene allo spirito" 8. Lutero, insomma, si immaginava già nell'inferno: "Io soffrivo le torture dell'inferno, ne ero divorato. Mi assaliva perfino la tentazione di bestemmiare contro Dio, quel Dio rozzo, iniquo. Io avrei mille volte preferito che non ci fosse Dio!

Lutero non faceva nulla per lottare contro i suoi difetti. I suoi confratelli agostiniani lo descrivevano come "nervoso, di umore molto sgradevole, arrogante, Sembra che lutero dopo il sesso, sempre pronto a discutere e ad insultare". Egli stesso dirà di sé: "Io mi lasciavo prendere dalla collera e dall'invidia" Lutero difendeva le sue rivoluzionarie idee in modo arrogante, ritenendosi "l'uomo della Provvidenza, chiamato per illuminare la Chiesa con un grande bagliore".

Il mio giudizio è il giudizio di Dio" In un'altra lettera ecco cosa dice di se stesso: "Non vi sembra un uomo stravagante questo Lutero? Quanto a me, penso che egli sia Dio" Sulle sue dottrine egli asseriva ancora: "Sono certo che i miei dogmi vengono dal cielo. Lutero stava, molto prosaicamente, seduto al WC nella torre che serviva di bagno del monastero, quando improvvisamente ebbe un'"illuminazione" che lo fece "pensare in un'altro modo":.

Io ero paralizzato e pensavo: Si Dio è giusto, egli punisce. E ancora: La giustificazione di Dio si manifesta senza l'azione della legge. A partire da questo punto, io ho cominciato a pensare in altro modo" Questo "altro modo" era la dottrina della giustificazione per la sola fede, indipendente dalle opere, la pietra angolare del protestantesimo.

Secondo Lutero, i meriti sovrabbondanti di Nostro Signore Gesù Cristo assicurano agli uomini la salvezza eterna. All'uomo, quindi, basta credere per salvarsi: "Il Vangelo non ci dice cosa dobbiamo fare, esso non esige niente da noi. Di conseguenza, su questa terra possiamo anche condurre una vita di peccato senza rimorsi di coscienza né timore della giustizia di Dio, poiché basta avere fede che siamo già salvati: "Anche se ho fatto del male, Sembra che lutero dopo il sesso importa.

Cristo ha sofferto per me. A questo si riduce il cristianesimo. Dobbiamo sentire che non abbiamo peccato, anche quando abbiamo peccato. I nostri peccati aderiscono a Cristo, che è il salvatore del peccato" Lutero anzi sosteneva che, per rafforzare la Sembra che lutero dopo il sesso fede, dobbiamo peccare sempre di più. Quest'idea Lutero la sintetizzava nella sua nota formula: esto peccator et pecca fortiter.

Durante la vita presente dobbiamo peccare" Scrivendo a un'altro seguace, Lutero diceva ugualmente: "Devi bere con più abbondanza, giocare, divertirti e anche fare qualche peccato. In caso il diavolo ti dica: Non bere! Tutto il decalogo deve svanirsi dagli occhi e dall'anima" A un'altro amico, egli scrisse ancora: "Dio ti obbliga solo a credere.

In tutte le altre cose ti lascia libero e signore di fare quello Sembra che lutero dopo il sesso vuoi, senza pericolo alcuno di coscienza. Egli non se ne cura, Sembra che lutero dopo il sesso anche lasciassi tua moglie, abbandonassi il tuo padrone e non fossi fedele ad alcun vincolo" Ovviamente, le conseguenze dell'applicazione di queste dottrine non potevano essere altro che il dilagare del peccato e del vizio. Lutero stesso lo ammette. Per quanto riguardava i suoi seguaci protestanti, egli scriveva: "Sono sette volte peggiori di una volta.

Dopo la predicazione della nostra dottrina, gli uomini si sono dati al furto, alla menzogna, all'impostura, alla crapula, all'ubriachezza e a ogni genere di vizi. Abbiamo espulso il demonio — il papato — e ne sono venuti sette peggiori" Il primo a piombare nel vizio è stato proprio lui. Il 13 giugnoscrisse a Melantone: "Io mi trovo qui insensato e indurito, sprofondato nell'ozio, Sembra che lutero dopo il sesso poco e senza più gemere per la Chiesa di Dio, perché nelle mie carni indomite ardo di grandi fiamme.

Insomma, io che dovrei avere il fervore dello spirito, ho il fervore della carne, della libidine, della pigrizia, dell'ozio e della sonnolenza" In un'altro scritto, Lutero è altrettanto chiaro: "Sono un uomo esposto e coinvolto nella vita di società, nella crapula, nelle passioni carnali, nella negligenza ed in altre molestie" Nel"per chiudere le cattive lingue", secondo quanto dichiarava, l'ha sposata, nonostante tutte e due avessero fatto voto di castità.

Lutero aveva una chiara nozione della riprovevole azione che aveva compiuto. Ma Caterina non fu l'unica donna nella sua vita. Egli aveva la brutta abitudine di avere rapporti carnali con monache apostate, che egli stesso addescava dai conventi. Su di lui scrive il suo seguace Melantone: "Lutero è un uomo estremamente perverso.

Le suore che egli ha tirato fuori dal convento lo Sembra che lutero dopo il sesso sedotto con grande astuzia ed hanno finito col prenderlo. Egli ha con loro frequenti rapporti carnali" Lutero non faceva segreto della sua immoralità. In una lettera all'amico Spalatino leggiamo infatti: "Io sono palesemente un'uomo depravato.

Ho tanto a che fare con le donne, che da un po' di tempo sono diventato un donnaiolo. Lutero aveva anche il vizio dell'ubriachezza e della gola. E in una lettera a Caterina, diceva: "Sto mangiando come un boemio e bevendo come un tedesco. Lodato sia Dio! Verso la fine della vita, l'ubriachezza lo dominava totalmente: "Spendo le mie giornate nell'ozio e nell'ubriachezza" Ma forse in nessun altro campo si è manifestato tanto il cattivo spirito di Lutero quanto nella sua tendenza a bestemmiare, specie contro la Chiesa ed il Papato.

Seguono alcuni esempi, tutti tratti dalle sue lettere e sermoni:. È un tiranno" Non si mormorava intorno a lui: Che ha fatto dunque con essa? Poi ha avuto rapporti sessuali con Maria Maddalena, quindi con la donna adultera. Lutero fa di Dio il vero responsabile del tradimento di Giuda e della rivolta di Adamo. La sua volontà [di Giuda] era diretta da Dio; Dio lo muoveva con la sua onnipotenza. Egli fu messo da Dio in una situazione tale che gli era impossibile non cadere" Non meraviglia che, mosso da tali idee, Lutero scrivesse a Melantone a proposito delle sanguinose persecuzioni di Enrico VIII contro i cattolici inglesi: "È permesso abbandonarsi alla collera, quando si sa che specie di traditori, ladri e assassini sono i papi, i loro cardinali, i loro legati.

Piacesse a Dio che vari re di Inghilterra si impegnassero a farli scomparire" Credo di poter dimostrare che, nei giorni nostri, il Papa è peggio dei turchi" Vorrei abolire tutti i conventi, vorrei farli sparire, raderli al suolo Nella risposta alla bolla di scomunica, Sembra che lutero dopo il sesso scrisse con arroganza: "Io e tutti i servi di Gesù Cristo riteniamo ormai il trono pontificio occupato da Satana, Sembra che lutero dopo il sesso la sede dell'Anticristo, noi ci rifiutiamo di ubbidire" Lutero è morto in mezzo a orribili bestemmie contro il Papato, contro la Chiesa e contro i santi.

In Theologishes, pp. Weimar,I, Tischrede del 5 maggio Iscriviti alla Newsletter. Remove Cookies You have allowed cookies to be placed on your computer.